"Il Mondo di NiMo"

Pagina 4 di 11 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

Re: "Il Mondo di NiMo"

Messaggio Da NiMo il Mer Set 16, 2009 4:09 pm

Grazie 1000 Luca.


Ultima modifica di NiMo il Sab Ott 17, 2009 9:25 am, modificato 2 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo “I.m.p.r.o.n.t.e.”

Messaggio Da NiMo il Lun Set 21, 2009 9:29 am

Luogo senza tempo

Stava ripiegato in un angolo
in un luogo senza tempo
e la vide avanzare verso di lui.


- Da dove vieni? -
- Vengo dal sempre vivo
dove non esistono più
né morte né peccato. -

Si sorprese nell’ascoltare
quella voce che conosceva,
ma non vedeva nessuno,
perché non c'era nessuno
e niente poteva vedere
al di là di quello specchio
che rifletteva solo il buio.

- Chi sei tu? -
- Sono innamorata di te
e voglio portarti con me,
oltre questo tuo specchio
nel mio per sempre vivo,
dove gioventù non svanisce. -

Allungò la mano per toccarla,
ma la figura scomparve...

Non sapeva quanto tempo
dall'ultima volta era passato
o se il tempo si era fermato.
Forse passarono degli anni
quando risentì quella voce
che sapeva di conoscere.

Non disse alcuna parola,
fissava soltanto il buio
da dove la voce proveniva.
Vide dentro lo specchio,
allontanarsi su un sentiero,
una fanciulla dai lunghi capelli,
la riconobbe e la seguì.

Da allora di loro non si sa nulla,
si pensa che siano nel mondo
dove né morte e né peccato
possono distruggere la felicità.
E giovani e senza invecchiare,
in un luogo senza tempo,
si ameranno per sempre.



Per sempre?

Il vento della coscienza sta soffiando,
conosce bene l’ultima delle sue falsità.
Uomo crudele... tu avevi promesso!

Sopra il sentiero della sua vita
una pietra miliare segna la via,
testimoniando di nuovo l’offesa
e l’arcadia 5 dell’uomo malvagio
che mente un amore non vero.

L’umanità l’ha dimenticato per sempre?
Chiloton e Megaton 6 ora tirano a sorte
a chi tocca questa volta dare la morte.
5. "Arcadia", mancanza del cuore.
6. “Chiloton e Megaton”, unità di misura del potere distruttivo di una bomba atomica.
Estratte da “I.m.p.r.o.n.t.e.” del 2.4.2004 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:46 pm, modificato 4 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Le voci del lago"

Messaggio Da NiMo il Lun Set 21, 2009 9:47 pm

Dove devo andare

Camminava piano su per la salita,
gli arrivai accanto in silenzio
e plasmai un suono con le labbra.
Lei si girò di scatto,
sorridendo divertita.
Mi stava aspettando?

È fresca l'aria stamattina,
tenni stretta la sua mano
e corremmo per un miglio.
Vinse sempre davanti a me.
Sento che anche cercando,
non potrà trovare nessun altro
che le faccia compagnia...
lo leggo nei suoi occhi.
Chissà se vuole restare da sola
e se così vuole per sempre.

Mi disse:
Sai che stai andando troppo veloce,
correndo così non durerai molto.
Non fare l'errore di aver premura.
Lentamente in giù e leggi il segnale,
così solo saprai dove devi andare.
Adesso fermati e riprendi il fiato,
hai bisogno qualcuno col tocco umano.
Fai sempre la strada insieme la fretta?

Sento che se potesse andare,
potrebbe trovare qualcun altro
che le faccia compagnia.
Cercherò di non farle sapere
che sto andando troppo veloce
per scappare da me stesso.
Non mi farò guardare negli occhi,
scoprirebbe il vuoto dentro di me
e che le mie lacrime sono finite.

Mi disse:
Lentamente in giù e leggi il segnale,
così solo saprai dove devi andare.
Stanno devastando il tuo tempo
i ricordi da dove tu fuggi,
stai andando troppo veloce.
Hai bisogno meno velocità
e di molta più tranquillità,
per affrontarli a faccia a faccia.

Lentamente adesso in giù,
come per un incantesimo,
scende dal mio viso una lacrima
e cade accanto ad una freccia,
sette pietre sulla strada d’asfalto.
Indica una direzione.
Quello, sono sicuro è il segnale,
è la direzione da seguire,
è la strada dove devo andare.
Mi girai di scatto a cercarla...

Camminava piano su per la salita,
la freccia indicava una direzione
opposta a quella che lei aveva preso.
Urlai con tutta la forza il suo nome.
Si girò e con le lacrime agli occhi,
mi disse addio e svanì nell’aria.
Estratta da “Le voci del lago” del 9.6.1996 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:47 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Hid"

Messaggio Da NiMo il Dom Set 27, 2009 10:11 am



Amica zitta

Amica acqua,
disseta i miei desideri,
effondimi energia
e forma cascate.


Guidami in giù...
galleggiando, gorgogliando.
Immaginami inondato,
inerme ed invecchiato,
liberare luccicanti lacrime.


Alta marea maestosa,
ninna nanna della sabbia,
onde vanno alla deriva
naufragando e sparendo
senza lasciare traccia.
Bassa marea maestosa,
melodia della spiaggia,
la risacca si ritira mestamente
lasciando rughe di rabbia
sopra la mia faccia.


Sento sgorgare
una sete silenziosa.
Tanti ruscelli tacciono
come amici assenti
da troppo tempo...


Un ultimo urlo,
un umido ultimatum?
Silente versata voce vai...
volutamente zitta.




"Onde vanno alla deriva"
Estratta da “Hid” del 9.9.1999 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Mar Ago 17, 2010 3:03 pm, modificato 11 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Nome in codice"

Messaggio Da NiMo il Mer Set 30, 2009 3:17 pm

Sulla bocca di tutti

Nella sfera di vetro
aspetto per ore...
chiudendo la bocca,
picchiando sul vetro.

Ora li sento da lontano,
sono sulla bocca di tutti.
Dietro la porta c’è la sfera,
una sfera nera trasparente
che forse luccica pure.

Cercare e rintracciare
i possibili nascondigli
in un muro di pietra,
dentro una sfera di vetro.



Un muro di pietra

Ed ecco una sfera di vetro,
immagini dal centro del cerchio
vanno scorrendo la circonferenza
e sembra sia il perno a ruotare.

E non credo che si possa andare
dall’uno all’altro se uno è fermo,
estremo ulteriore che gira inverso
compasso di tutto quel che sento.
Qualcosa di nuovo sta aggirando
il muro di pietra che ho incontrato
e solo a dirlo me ne sono liberato.

Forse è la bussola del tempo,
qualcosa che in forma tonda
continua a girare dentro la sfera
in cerca di angoli che non ci sono.



Sfera di vetro

Un enigma per i dottori,
un involucro della memoria
questa mia sfera di vetro.
Non si sa come la costruì
e per che cosa servisse,
non ci sono figure dipinte,
non c’è nessuna iscrizione.

E’ un eterna testimone,
un altro umano mistero
senza nessuna risposta,
che ruota nel mio tempo
in attesa della rinascita.

La sfera si mette a girare,
rotolo e vengo schiacciato
contro le pareti di vetro.
La pressione è così forte
che il vetro si frantuma
e come bolla di sapone
scompare in aria d'incanto.
Estratte da "Nome in codice" del 10.10.2005 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Dom Apr 08, 2012 11:00 am, modificato 7 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Le voci del lago"

Messaggio Da NiMo il Gio Ott 01, 2009 1:45 pm

Centesima poesia inserita nel Mondo di NiMo dedicata all'Amico Pink.


Amico

Non avevo alternativa,

mentre gli stavo accanto
pensava sempre al lago.
Non è stato avvisato
e non c’è stata sorpresa
nei suoi occhi umidi,
quando mi vide arrivare.
Solo io potevo aiutarlo.

Ripeteva sempre,
è tutta mia la colpa...
La trappola è vorace
e l’ingoiò tutto intero,
vincendo al di sopra
a dispetto di me.
Adesso è libero,
per questo non è più
al servizio del destino.

E’ stato più coraggioso di me.

Tenne il suo fiato su di me,
tutte quelle volte
che sentii freddo.
Grazie alla sua pazienza,
è il migliore ascoltatore
che mai ho incontrato.
E’ il mio migliore amico.
Estratta da “Le voci del lago” del 9.6.1996 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:49 pm, modificato 5 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Acqua in viaggio per spegnere il fuoco"

Messaggio Da NiMo il Mar Ott 06, 2009 9:59 pm

Dedicate a tutti gli abitanti dei paesi colpiti dalla tragedia di Messina Sud del 1 Ottobre 2009.


Immagini

Oggi il mare è più che calmo,
più fermo ed immobile che mai.
L'inverno non vuole arrivare
e si appiccica alle dita bianche
l'inchiostro nero dei quotidiani
che dicono “... è tutto normale,
tutto è sotto controllo”.

Nelle immagini dello schermo
solo occhiate di pietre spezzate,
solo corpi di vetri fatti a pezzi
e pesanti coperte di piombo.
Una solitaria cometa 9 smarrita,
artiglia il cielo impolverato
e senza fretta taglia alla gola
il rosso tramonto di sangue.

Dal punto d’osservazione
stringono i denti d’acciaio
e scricchiolano le alte torri,
urlando parole sconnesse
scosse dalla realtà dell’incubo.
Il bollettino vomita percentuali,
investe, specula e respira
attraverso codici a barre,
indici e calcoli in decimali.
Gli alti grattacieli gemelli
sprofondano giù di colpo,
verso il fondo infuocato
di questo mondo impazzito.
Il potere di vita o di morte
oggi è stato sospeso
per un eccesso di rialzo.

Parole di conforto s’inseguono,
lavano il sangue sullo spartito
nell’ultima grande onda del mare.
Raffiche di vento impetuoso
le dissolvono nel vuoto dell’aria
ed angosciati noi guardiamo,
ascoltando muti il silenzio
che impregna tutto di se.

Mentre dei fiori sbocciano
tra i cumuli delle rovine,
il più giovane degli eroi
porta alta la bandiera
sulle tombe dei soldati,
al termine della sconfitta
dei mercanti di morte.



L'ultima grande onda

Dietro l'ultima grande onda,
l’acqua in viaggio del mare
è svanita nel vuoto dell’aria,
così che la sete non l'asciughi
ed il muso arso della guerra,
si disseti nel nulla profondo
e nell'aridità della mia terra.
9. Cometa “Airatilos” visibile dalla notte dell’11 Settembre 2001.
Estratte da “Acqua in viaggio per spegnere il fuoco” del 23.3.2003 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:50 pm, modificato 5 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Le voci del lago"

Messaggio Da NiMo il Ven Ott 09, 2009 2:42 pm

Dedicata a tutti gli abitanti dei paesi colpiti dalla tragedia di Messina Sud del 1 Ottobre 2009.


U.I.N.

E vengano tutti i miei amici,
loro mi porteranno da U.I.N..

Sanno quello che fronteggio
ed i titoli delle mie poesie.
In mezzo a quel che sento,
il passato è ancora vivo.
Abito nero e Ray-Ban neri,
camminano nell'ombra
e senza farsi vedere,
in silenzio mi proteggono
dalla violenza della lotta.
Loro non sono nell’elenco.
Nessun nome e nessun viso,
se hai qualcosa di strano,
ti guardano negli occhi
e dietro alle spalle.
Ignori completamente chi è U.I.N..

Qui verranno U.I.N.,
loro non lasceranno ricordi.

Nella mia notte profonda
solo loro stanno decretando.
Sempre in rapida espansione
la solitudine riempie la stanza.
La sua rapidità mi testimonia
che sono sotto il loro controllo.
Con un solo sguardo,
ipnotizzano e neutralizzano
tutte le mie antiche memorie
che portano un altro ricordo
a girare dentro le fantasie.
Bussano alla mia porta
adesso tutti i miei amici.
Si sappia quello che voglio:
La mia porta resterà chiusa,
è l'ultima mia linea di difesa,
io sono il primo in lotta contro
il mio strato di male peggiore.
L’ho costruito con le mie mani
e so che non teme nessuno.
Mi conosce e m'avvicina a U.I.N..

Qui vengono U.I.N.,
loro non lasceranno ricordi.

La luce lo controlli, facciamo le lastre.
Sappiamo che sembra strano
ma tu non hai fiducia in noi?
Useremo la sequenza del vecchio,
credici è per la tua protezione.
Hai bisogno di non ricordare
e di cancellare il passato
da dentro la tua memoria.
Così vada la tua vita
e con tutte le nostre cure,
dimenticherai tutto quello d’Aizirta.4
A nessuno piace quello
che io sono diventato
e mi aiutano a loro modo.
E' lo show dei ricordi quello dei U.I.N..

E vengano gli Uomini In Nero,
loro non mi lasceranno ricordi.
4. Nome proprio di persona.
Estratta da “Le voci del lago” del 9.6.1996 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:51 pm, modificato 6 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Le voci del lago"

Messaggio Da NiMo il Dom Ott 11, 2009 8:39 pm

Dedicate a tutti gli abitanti dei paesi colpiti dalla tragedia di Messina Sud del 1 Ottobre 2009.


Senza titolo

Qualche volta da lontano,
la posso sentire correre via
dal quel nero filo spinato,
di cui mi sono attorniato.
Non voglio nessuno accanto,
ora voglio restare da solo.

Sono molto alti e pesanti
i limiti che devo superare,
loro sono tutti miei avversari.
Ora sto lottando da solo,
contro l’altro me stesso,
ho perso la mia voce guida
e non m'importa affatto
e non cerco delle scuse.
Se sarei solubile in acqua,
mi scioglierei in zolle di terra
o nell’acqua fredda del lago,
dove nessuno guarda indietro
in modo che nessuno mi trovi.
Non voglio dormire stanotte
e voglio continuare ad essere
come una poesia riposta
in un cassetto e dimenticata.

Non voglio nessuno accanto.
Di nero dipingerò il mio viso,
la mia stanza ed il mio cielo.
Non leggere quello che scrivo
è come voglio essere adesso,
senza nome e senza titolo.



Tutte scuse

Cos'altro dovrei essere,
che altro devo dire,
cos'altro dovrei scrivere,
che altro devo provare,
cos'altro dovrei cercare,
solo delle scuse...
sono tutte solo delle scuse.

In mezzo al lago
dire d'esser assetato
e desiderare d’essere
facilmente divertito,
quando cercherò
una piccola isola,
sola e sperduta
sui mari della luna.
Scrivo in una poesia
tutta la mia colpa...

Prenderò il tuo biasimo
e la mia vergogna,
per soffocare il fuoco
dentro la mia anima.
Solo delle scuse...
sono tutto quello
che noi siamo.



"Mari della luna"
Estratte da “Le voci del lago” del 9.6.1996 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:52 pm, modificato 8 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Terracquaria"

Messaggio Da NiMo il Lun Ott 12, 2009 2:52 pm

Dedicata a tutti gli abitanti dei paesi colpiti dalla tragedia di Messina Sud del 1 Ottobre 2009.


Sospiri di vento

Loro non si svelano a tutti
e nella loro muta esistenza
dentro un vento silenzioso,
ora soffiano dei nuovi versi
nella costruzione di rima.
Arrivano sul nostro percorso,
vi costruiscono le varie parti
e le fondamenta di ogni pezzo
entrandoci dentro in un sospiro,
si sviluppano e vengono alla luce.
Dove è la radice della poesia,
nella mente o nell'anima?


Si va in frenesia poetica
e germoglia avviluppato
il lato inclinato delle strofe
in un equilibrio di poesia,
quando viene forgiato
dall’inventiva di fantasia.
Con una strana allegria
noi tratteniamo il fiato
in dei sospiri di vento
ed andiamo a rileggere
quella scritta per ultima,
per poi accorgerci tardi
che è nata già vecchia.

Ed allora restiamo bloccati
e facciamo finta di niente,
come ghiacciati dal gelo
delle nostre paure profonde.
Non cerchiamo di scappare
e prendiamo parte anche noi
all’imminente taglio del bosco
e restiamo tutti a guardare,
diventando delle fonti aride
dove non ci si può dissetare.
Ed i nostri figli ci giudicano
e tagliano i nostri rami secchi.



"I nostri rami secchi"
Estratta da "Terracquaria" del 9.9.2009 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:52 pm, modificato 7 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Respiri"

Messaggio Da NiMo il Mar Ott 13, 2009 3:00 pm

Se mai perderò

Tutti potrebbero dire
che perderò la mia battaglia,
in tanti potrebbero dire
di tutto ed anche di peggio.
E non c’è nulla da fare,
che richiudersi a chiave.

Diranno che ero perduto
e che persi apposta
la mia anima nel lago.
Loro fanno parte del piano?
Mi potrei esser perso
nelle loro tante bugie,
senza lasciare tracce,
per non farmi trovare.

E se mai perderò
questa mia battaglia,
nessuno verrà a saperlo.
Mi nasconderai per sempre
in un cassetto dimenticandomi,
ai confini dei ricordi nella memoria.
Estratta da "Respiri" del 9.7.1997 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:53 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Hid"

Messaggio Da NiMo il Gio Ott 15, 2009 2:34 pm

Dedicate ai piccoli Francesco e Lorenzo Lonia


Cercando qualcuno

C’è qualcuno qui,
che conosce il mio bambino?

C’è qualcuno qui,
al di là di questo muro?
C’è nessuno qui dentro?
C’è nessuno qui fuori?

Piccolo mio,
dove sei andato?



Torpore

Un giorno di stelle,
sul palmo della tua mano
posai un bacio…
Me ne rimase
profumata la bocca,
di fiore d’anemone d’acqua.
Tendi la tua mano,
in modo che possa afferrarla.



Salvato?

Rinasco nel tuo abbraccio,
rincuorato dal pulsare
del tuo tenero cuore.
Stella di giorno,
il calore che mi riporti
cancella in un soffio
dolori ora lontani.

Adesso ricomponi
tutti i frammenti
di questa mia vita,
stringi le tue braccia
attorno a tutti i pezzi.

Mi coprirono la bocca
e mi legarono le mani,
quando da oltre il muro
cercando qualcuno
in una pioggia di luci,
gridai forte il tuo nome.

Dicono che le luci
splendono sempre,
dicono che Hid
sia sempre stato
sospeso nell’aria.

Tutti stanno gridando
forte il mio nome,
come tutti gli altri
anche loro immobili
mi stanno additando.
Riportami a casa...
voglio tornare a casa,
andiamo a casa... mamma.
Estratte da “Hid” del 9.9.1999 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:53 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Gemme predate"

Messaggio Da NiMo il Ven Ott 16, 2009 3:01 pm

Segreti nella terra

La pioggia è testimone
di bugie nude sparse
in stretti solchi aridi,
seminate nella neve
ed annaffiate da lacrime.


Come nuvole bianche
ingrossate dal ghiaccio
che corrono verso il Nord...
Come delle gemme predate
in cerca di un nascondiglio
prima che la verità le trovi.


Sui dei bordi ad argine,
la falce miete le verità
nei vortici temporanei
dei rivoli d'acqua piovana
che lentamente le allaga.




"Rivoli d'acqua piovana"
Estratta da "Gemme predate" del 12.1.2001 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:54 pm, modificato 6 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Acqua in viaggio per spegnere il fuoco"

Messaggio Da NiMo il Sab Ott 17, 2009 2:34 pm

Nostalgia

Si aggrappi a me qualcuno,
qualcuno che inspiri in me
il desiderio di tornare a casa.

Tutti vincerete sulle mie spalle oggi,
dimenticherete la mia bocca asciutta
e gli occhi azzurri macchiati di sangue.
Tremai di paura quando qualcuno
mi conficcò delle spine di miele.
Un pezzo in più ed andrò via
lontano da questa nostalgia,
via dalla vittoria vuota ed inutile,
dall’altro me stesso inservibile,
via da questa disintegrazione.

Un altro pezzo in più, uno...
che inspiri in me il desiderio
di ritornare di nuovo a casa..



"Spine di miele"



Ritorno a casa

Cieli cupi macchiati di rosso,
ritrovano venti caldi del sud
e sguardi tremanti nella notte
aspettano che il crepuscolo
germogli sopra la mia terra.
Come il palmo di una mano
stringe forte nel mio buio
le prime gocce di pioggia,
che con i miei frammenti
si perdono per sempre
abbandonate nel vuoto.



Frammenti

Vagano alla deriva lontano
tutti i miei frammenti sul mare.

Battere quell'acqua polare,
sentirsi dire tante inutili parole
e capire che incredibilmente
ora il mio tempo si è arenato,
un altro tempo l’ha annullato.

E’ l'effetto di una modifica
che disperatamente lotta
da sempre contro se stessa?
E’ la sostituzione obbligata
dei miei pezzi di ricambio?
C'è una lunga lista d'attesa.

Fatalità che imbroglia di nuovo,
avvinghiata profondamente in me,
che scappo sulle onde del mare
da me e dal mio cuore solitario.
Stanotte forse sognerò ancora?

E tutti i miei frammenti vagano
alla deriva lontano sul mare.
Estratte da “Acqua in viaggio per spegnere il fuoco” del 23.3.2003 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:54 pm, modificato 6 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Chiaroscuri"

Messaggio Da NiMo il Gio Ott 22, 2009 3:47 pm

In quel luogo

E’ arrivata l’ora di decidere
e di guardare cosa c’è oltre
questo mio tempo fermo,
che torna sempre al passato
e che offusca il mio futuro.
Gli sguardi si abbassano,
non vogliono vedere la realtà,
vivono in illusioni ed in sogni
che non vanno in nessun posto.
Il cuore mente a se stesso,
perché sa e conosce le ombre
che si annidano dietro la luce.

Un’esistenza piena di miraggi
trema di paura nell’orizzonte
del domani nella sofferenza.
Brucia carezze dopo le lacrime,
arde il desiderio sempre respinto
e taglia l’anima arsa dal dolore
che non vuol capire la verità.
E sulla pelle resta il profumo
che lentamente svanisce,
sete d’abbracci e baci negati.
Voglia di certezze scolpite
che tutti possano scorgere,
di gridare al cielo la mia gioia
che nessuno può portar via.
Chiaroscuri illuminano la vita,
vibrano dentro scatole di vetro
rinchiusi in un domani incerto
nell’attesa di un martello
che le mandi in frantumi,
tanto più pesante quanto
una fine veloce ed indolore.
Ed aspettare non ha più senso
perché non può esserci domani.

Allora resto ancora assente
e non so che cos’altro fare,
alzo dei muri e poi li distruggo,
cerco e non mi ritrovo più,
mi alzo e ricado dentro un nulla
che mi appartiene e conosco.
E tutto ha un nome, un volto,
tutto riconduce ad un centro
nel luogo dei ma e dei forse...
E torno di nuovo in quel luogo
dove il mio tempo è fermo
e so che sono sempre solo.



Chiaroscuri

Siamo zattere alla deriva
prigionieri nel viaggio,
dentro dei chiaroscuri.
Sul mare della verità
nella nostra esistenza
cerchiamo un approdo.
Estratte da "Chiaroscuri" del 3.6.2003 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Dom Apr 08, 2012 11:05 am, modificato 6 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Nome in codice"

Messaggio Da NiMo il Gio Ott 29, 2009 10:40 pm

Viene in soccorso

I nostri cieli non hanno mai avuto
lo stesso identico colore da sempre.
Numerose poesie e lettere di amanti
vi hanno intinto i loro fugaci pensieri.

Un’anima leggera
abbandona il corpo,
serena senza nuvole
compone libere rime
dentro libri chiusi.
Mentre il cielo cambia
ci viene in soccorso
in un raggio di sole
con un secondo bacio.

I nostri amori non hanno mai avuto
l’unione delle nostre anime distratte.
Guardano il cielo e non s’accorgono
che un altro giorno è ormai passato.



Non hanno mai avuto

Occhi nel sole e nella luna
prima del secondo bacio
che non hanno mai avuto.
Incerte bianchezze sospese
innalzano sguardi lucenti
e candidamente abbagliano
cieli d'appaganti vaghezze.



Prima del secondo bacio

Un giorno, uno qualsiasi,
la lancetta delle ore
si mise lenta a sfogliare
il suo album dei ricordi.
Si rese conto che i suoi giorni
erano stati tutti uguali
ed iniziò a correre impazzita.

Il sole scoppiò a ridere
abbracciato alla luna
e prima... subito prima
di rendersene conto,
la baciò sulla bocca.
Delle stelle gelose,
esplosero all’unisono
e fecero gran sfoggio
delle loro onde d’urto.

Nulla distrasse gli amanti
e prima del secondo bacio
la lancetta delle ore rinsavì,
tornò a fare il suo mestiere.
Il sole e la luna da allora,
giocano a nascondino
rincorrendosi attorno la terra.
Estratte da "Nome in codice" del 10.10.2005 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Mar Ago 17, 2010 3:06 pm, modificato 6 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Terracquaria"

Messaggio Da NiMo il Lun Nov 02, 2009 4:05 pm

La sua ombra

Se esistesse altrove
in un luogo indefinito
un’altra natura diversa
che pensi a se stessa.


Se fosse all’interno,
nascosta dentro me
allora l’abbraccerei
e la terrei ben stretta,
sarei la sua ombra
nel suo arcobaleno.

Dentro i suoi colori
non voglio andar via
dai fugaci frammenti
di questa sua magia.



Nel suo arcobaleno

Da tanto tempo ho una paura
che mi fa sentire un naufrago,
come un marinaio sconosciuto
che sta cercando la sua nave
nell’infuriare della tempesta.

Poi senza motivo apparente,
la foschia nel cielo scompare.

Un sereno volo di gabbiani
scopre una fessura di luce
all’interno della sua dolcezza
ed il mio cuore ora è illuminato
dal suo arcobaleno meraviglioso.



Volo di gabbiani

E guardo verso il mare
sopra il limite del cielo,
quel suo blu intenso,
nella sua calma piatta,
un volo di gabbiani
sul suo arcobaleno.

Ed ai miei pensieri
piacciono i gabbiani,
il volo tra cielo e mare
nella luce del giorno,
aspettando di scegliere
se volare via lontano
o lasciarmi andare giù
in un abisso profondo
nelle ombre di una notte.

Questo è il mio destino
ed aspetto paziente
degli altri nuovi sospiri,
con tutta la speranza
che una poesia sgorghi,
per sfamarmi l’anima.
Estratte da "Terracquaria" del 9.9.2009 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:56 pm, modificato 4 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Terracquaria"

Messaggio Da NiMo il Ven Nov 13, 2009 10:46 pm

Un'altra onda

Navigano in alto mare
e sfidano tutti i giorni
la sorte e l’avventura.

Aspettano un'altra onda
guardando all’orizzonte,
andando oltre se stessi.
Arriverà qui un giorno
un capriccio del mare,
un'onda gigantesca
e resterò immobile
quando mi prenderà
e mi porterà da loro.

Loro affrontano la vita
anche se la sconoscono
dirigendo verso l’ignoto.



Capriccio del mare

L’acqua è pronta ed inarca la gobba
un'altra onda sta sfiorando la barca
e getta di nuovo ed ancora raduna
disegni con grani di pietre arenarie
e di quelle forme ne diventa gravida,
risale rapida fin oltre la cima ripida
e sparendo lascia l’abisso arenato
dentro un nuovo capriccio del mare.



La barca

La barca va sul mare tranquillo,
liscia l'acqua con carezze leggere,
schizza energia e spensieratezza
ed incessante continua il viaggio
ad inseguire e valicare le onde
nascoste nell’abisso della notte.
I pescatori al timone invecchiano
e lasciano in eredità la sua storia.



Ora dirige verso di me
un’onda gigantesca,
scura come l’inchiostro.

Apre il suo abbraccio
indelebile e denso
come nero di seppia
di sostanze letali,
come segni evidenti
di capriccio del mare.

Mi afferra e mi porta,
avvolto nella sua rete
verso l’ignoto domani.
Estratte da "Terracquaria" del 9.9.2009 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:57 pm, modificato 5 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Terracquaria"

Messaggio Da NiMo il Gio Dic 31, 2009 11:08 pm

Baci di bambini felici

Bastano i baci di bambini
comprati con dei giocattoli
per farvi dimenticare tutto.
Vi guardano occhi infelici
e li abbracciate più forte,
frugando nelle loro tasche.


Solamente così ottenete
dei baci di bambini felici,
teneri come petali di fiori
bagnati d’acqua di madre,
sbocciati in un inverno
in cerca di altro calore
e di un poco d’amore.

E non v‘importa per quanto
debbano soffrire il freddo
e li mandate per le strade
a mendicare compassione
e loro seguitano cercando
i baci dell'amore negato.
Estratta da "Terracquaria" del 9.9.2009 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:57 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo “I.m.p.r.o.n.t.e.”

Messaggio Da NiMo il Mar Gen 12, 2010 10:46 pm

Fuori dal mio tempo

Ed adesso ho ricordato
con un po' di rammarico
ma senza alcun rimpianto,
quel mio tempo desolato
dei titoli che dimenticati
e perduti in degli attimi,
si sono smarriti per sempre
dentro delle altre parole.

Più di una, più di mille,
più di qualunque cosa
sarebbe mai emersa
da ciò che volevo dire.
Ma non erano niente
e vivevano imperfette
lontano dalla memoria.

Tante parole intagliate
sopra dei fogli di carta,
ricercate e ritrovate là,
oltre quello che esiste,
dall'altra parte del tutto
che torna sempre a galla.
E mai nulla di così irreale
finì per essere desiderato...



... e furono sognate
più di mille altre parole
prima o poi ripetute,
frasi forse senza senso,
rapite nei dormiveglia
e limitate dai miei sonni.
Irrazionali congiunzioni,
cercano in angoli remoti
un'altro strano momento,
per andare dritte alla meta
e trovar posto in altri versi.

Loro non sono parole
ma ripari qualunqui,
giochi condizionati
che falsano la realtà.

Parole che graffiano,
scritte senza riflettere.

Io sono qui adesso,
troppe parole in gola
mi stanno soffocando
o mi vogliono tradire.

Loro parlano con me
e cercano di barare
trasformando la trama.
Conoscono il sentiero,
che adesso ho perduto
per venire incontro a te.
Ci sono le tue impronte
ancora sul mio cuore
e tutto quel che resta
adesso del passato
sono parole dimenticate...



... e ne aggiungerei altre,
continuando a scrivere.
Ma non c'è niente ormai
e non ci sono altre rime,
non ho più la volontà.
L'aria sta andando via
lontano da qui con me,
verso un’altra realtà
che mi sono costruito.

Segui le mie impronte
e cercami tra le righe
dentro le tue poesie
che scriverai per me.
Vieni, andiamo lontano,
su, in un'altro tempo
attorno un'altra orbita,
in un viaggio senza fine.

Fuori da questo istante
vedo l'altra parte di me,
mi costringe a cercarla,
nascosta fra la gente
trasparente per tutti,
che non possono notarla.
E so bene dove essa sia,
solamente io la conosco
e sto pronto consapevole...



... che l'aria era ancora lì,
in qualche strano modo.
Nella calma fuori da qui
forse c'è un altro equilibrio,
che può saziare la sete
di questo continuo vagare
nel mondo della fantasia.

Un’ombra cupa accende ricordi
e richiama nella mia memoria
gli istanti poco prima l’incendio,
quando il pericolo era in agguato
ed avevo la forza di continuare.

Così ora nasconderò
i miei occhiali scuri
e guarderò su al cielo,
il sole mi abbaglierà
e lo guarderò fisso
privo di alcun riparo,
finché cadrà all'orizzonte.

Questo è un momento impulsivo
che rotola dentro questa mia vita
e che continua ad andare avanti,
ancora più in là dell'insignificante,
dall’altra parte dell'inimmaginabile.

Immagini mosse le mie
come delle promesse
riflesse allo specchio
con il vetro in frantumi.
Una visione mi guida,
sono sicuro che questo
è uno di quei momenti.
Estratta da “I.m.p.r.o.n.t.e.” del 2.4.2004 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:58 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo “I.m.p.r.o.n.t.e.”

Messaggio Da NiMo il Ven Gen 15, 2010 9:24 pm

Luci ed ombre

Un lungo filare d'alberi,
profumo di fiori di campo.


Non serve altro per capire,
un sogno sta per apparire
dentro al mio specchio...
Mi siedo su una sedia,
tiro fuori da un cassetto
un nuovo foglio di cartone
ed un pezzetto di carbone.

Comincio a disegnare,
mentre il giorno si fa largo
dentro il buio della notte
ed il sole risale l'orizzonte.
Ecco il primo bagliore,
il sole nasce dalla collina
e la luce illumina le cime.

Uno spicchio appare dal crinale,
lo specchio si colora nel mio silenzio
del rossore di una nuova alba.

Non stacco gli occhi
da questo spettacolo
e la mano corre veloce,
disegnando luci ed ombre
prigioniere nella mia memoria.
Il sole compare interamente,
abbasso lo sguardo sul disegno.

Si notano parti illuminate
da raggi intensi di luce,
il sole che s'innalza
lentamente dalla collina
ed una figura di spalle
seduta su una sedia,
senza nessuna ombra.

Guardo in terra ai miei piedi,
la mia ombra non c'è più.



Nel mio silenzio

Misteriosi riflessi
sopra il cartone,
lasciano nella luce
le loro impronte.

La mente è in cerca
ed insegue pensieri
nel mio silenzio,
il vento sussurra
e suona le note,
tra luci ed ombre,
tra nuvole scure,
tra i vuoti dell’aria
segnati dalla polvere
che ricopre la terra.

Nella nuova alba
sta andando in cerca
di un'altro suo eco
e della mia ombra.
Estratte da “I.m.p.r.o.n.t.e.” del 2.4.2004 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 2:59 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Poesie per caso"

Messaggio Da NiMo il Dom Gen 17, 2010 10:37 pm

Cercando il sole

Aveva un sorriso di sorpresa
quando mi vide fissarla,
quasi fosse stata scoperta
dentro un suo nascondiglio.
Correndo mi venne dietro,
irradiava un’allegria soffusa
e mi fermò da un’altra fuga.


Gli mancò il fiato ma lui non reagì,
guardò avanti, più in là e non reagì.
Per un attimo tolse gli occhiali scuri
per farsi scrutare in fondo all'anima,
poi... coerente con la sua verità,
nascose l’emozione cercando il sole.

E quasi senza pensare...
le accuse scoprirono un sorriso
e quasi senza capire...
le scuse liberarono un pensiero.
E' stato ciò che è stato...
correndo mi venne dietro,
tra un attimo mi dimenticherà.
Estratta da “Poesie per caso” del 24.6.2004 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)





Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 3:00 pm, modificato 5 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Le voci del lago"

Messaggio Da NiMo il Mer Gen 20, 2010 3:29 pm

Ombre dal passato

Mi nascosi in tempo,
per non farmi trovare.
In verità, voleva solo aiutarmi.

Metis 2 è seduta lì,
accanto a me,
ha deciso di cambiarmi.
Non m'incontrerà mai.
Non ricorda che nessuno
può arrestare il tempo.
Io mi difendo come posso,
so che ha deciso di cambiarmi
e mi brucia un po'.

E' più facile sognare
di fermare il vento,
lasciato ai confini del lago
e che vorrebbe andar via,
lontano... come me.

Voi che sapete,
da troppo tempo non vi sento.
Quando la mano di un amico
sfiorerà appena la mia?
Lo specchio mi prende in giro.
Forse anche fuori di me piove?
I vetri si appannano
ed i dolci occhi suoi
sono sempre nei miei.
Sembra fatto di vetro
il mio cuore... lo sento.
Cosa resta del passato,
solo gente distratta
con gli occhi chiusi,
tanti discorsi vaghi,
troppi stratagemmi
e puntini di sospensione.
Ho bisogno del trucco di un mago
e d'addormentarmi nel silenzio,
ho bisogno d’arrivare lontano
e nascondermi fra la gente.
Ma, qualcosa rimane
e s'espande nell’anima
avvinghiandosi stretta a me,
quando mi tiene per mano.

E' più facile sognare
di fermare le lacrime,
lasciate ai confini dei ricordi
e che vorrebbero andar via,
lontano... con me.

Non sono mai stati uguali
i segni dei miei ricordi.
So che mi cercheranno,
prima che sia troppo tardi
e nessuna antica influenza
mi renderà più calmo
ed è sempre più evidente
e non c'è niente da fare,
che chiudersi a chiave.

Si nascose in tempo,
per non farsi trovare.
In verità, voleva solo aiutarlo.
2. Dea della saggezza, il cui nome significa “il saggio consiglio”.
Estratta da “Le voci del lago” del 9.6.1996 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 3:01 pm, modificato 2 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Hid"

Messaggio Da NiMo il Lun Gen 25, 2010 3:34 pm

Dentro giochi di luce

L’arcobaleno scivola
sui mattoni del muro,
rimbalza nella stanza
dentro giochi di luce.


Illuminando un’ombra
sopra i miei occhi,
resta fermo, immobile.

Allungo una mano
verso lo specchio
e tocco il tuo riflesso,
ma non ti riconosco.



Abbattuto e spento

Eco, la goccia sibila
nell’aria ghiacciata.
Un sottile filo di ragno
taglia come una lama
un raggio di sole
ed il pulviscolo
vi si arrampica,
risalendo al cielo.

Dove posso cercare,
dove posso trovare
tutta quella terra,
che colmi l’abisso
tra me e l’altro?

Sicuro d’essere solo,
non temo le ombre
che adesso ci sono
sopra il mio muro
e nei miei occhi.

Sono la certezza
che là vicino ci sono
mareggiate di luce
che risplendono.
Paura di perdere Hid.

Il silenzio dà consenso,
ho l’orribile sensazione
che nessuno mi ascolti.
E la mia anima
s’ingrandisce...
fino a ricoprirmi,
con una seconda pelle
ora invulnerabile...



Mareggiate di luce

Lascia scorrere il tempo,
non solo per sentirti vivo.
Lascia scorrere il tempo,
per non essere soltanto
un riflesso nello specchio.
Estratte da “Hid” del 9.9.1999 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)


Ultima modifica di NiMo il Sab Ago 14, 2010 3:01 pm, modificato 3 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Il Mondo di NiMo "Acqua in viaggio per spegnere il fuoco"

Messaggio Da NiMo il Gio Gen 28, 2010 10:50 pm

Sul sentiero di neve

Sta scivolando in giù
sul bianco sentiero di neve,
sente freddo, è così freddo
che è come se fosse neve
e la conservazione di un pezzo
non cambierebbe niente...


Sento intatta l'evanescenza
ed impallidendo sto implorando
di trascinarmi in giù con me
le istruzioni per l’uso
di quell'altro mio pezzo.
Apro un po’ di più la bocca,
un altro organo l’insegue
e non sono responsabile
per quello che succede...
non so curarmi da solo.
E’ fuori un altro dei brandelli
e viene tirato giù dai capelli,
sporge dalle labbra muovendosi
al battito del cuore sul selciato.
Noi sappiamo che è caduto
dal tetto in attesa della pioggia,
scivolato in basso dalla spalla
sopra i sassi sul sentiero di neve.

Così tirò i capelli sugli occhi
e per evitare la conservazione,
coprì con le parole in rime,
le impronte sulla neve fresca
e continuò a scivolare in giù
sul bianco sentiero di neve.



Attesa per la pioggia

Il cielo si addensa opprimendo,
in una stretta presa che soffoca
e mozza il respiro dello sconforto.
Attendo paziente la pioggia.

Desolato frequento le ore
che tutti passarono uccidendo
e calcolo l'attesa per la pioggia.
Una mano su di me... un tocco...
Un vecchio che uccise in guerra,
con occhi arrossati e lucidi
racconta e mi strangola,
m'impiglia nel filo spinato
dei suoi pungenti ricordi,
deteriorando tutti i miei pezzi,
stanco per le lunghe ore
che tutti passarono uccidendo.
Pensa che anch’io sono vecchio
e che sto ascoltando il freddo.
Poi qualcuno sorrise un attimo.

Scrivo una preghiera per la pioggia
che il tutto spazzerà via lontano
e calcolo fino ad allora ed ancora
tutta la mia attesa per la pioggia.


Estratte da “Acqua in viaggio per spegnere il fuoco” del 23.3.2003 di NiMo.
(Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati)




Ultima modifica di NiMo il Gio Mag 24, 2012 9:41 pm, modificato 7 volte

_________________
Barcollo ma non mollo
"Il Mondo di NiMo"
avatar
NiMo
MODERATORE

Numero di messaggi : 1763
Età : 57
Data d'iscrizione : 27.10.08

Torna in alto Andare in basso

Re: "Il Mondo di NiMo"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 11 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9, 10, 11  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum